top of page

Come scegliere le pinzette perfette?

Aggiornamento: 16 set 2022

Tutti noi abbiamo avuto a che fare con questo tanto amato e temuto strumento: le pinzette!


Le pinzette fanno parte della mia vita da sempre, da prima che iniziassi la mia carriera nel mondo dell'estetica (nel lontano '86), uno strumento indispensabile per la mia vita ed il mio lavoro!


Indipendentemente da chi sei e cosa fai nella vita prima o poi ti sarai sicuramente imbattuto/a in questo oggetto dai mille utilizzi... Ma capita abbastanza spesso di comprare pinzette che sono quasi usa e getta, qualitativamente mediocri o semplicemente non adatte al tipo di pelo che vogliamo rimuovere.


Il problema sta proprio nella scelta!


Scegliere le giuste pinzette sembra facile ed effettivamente con le giuste conoscenze lo è, a patto che si abbiano le basi per riconoscere quale forma sia più adatta alle proprie esigenze.

NB:

Erroneamente colleghiamo il prezzo d'acquisto alla qualità del prodotto, una pinzetta più costosa non è necessariamente più prestante e duratura di una pinzetta che costa una manciata di euro.



Quali pinzette scegliere per depilazione sopracciglia

MATERIALI


Per capire meglio quali pinzette scegliere è opportuno cominciare dal principio. Di che materiale sono fatte le pinzette che sto comprando? Non è la domanda più immediata che ci viene in mente quando le scegliamo ma ciò determinerà la durata delle stesse.


Le pinzette dovrebbero essere composte da un metallo resistente e possibilmente ipoallergenico ed ecco perché sarebbe opportuno preferire il metallo chirurgico.


Tutti gli altri tipi di materiali, seppur resistenti, potrebbero potenzialmente irritare la pelle con conseguente impossibilità di utilizzo... Il nostro scopo è quello di scegliere le pinzette della vita ed è per questo che giochiamo in modo sicuro scegliendo un materiale, non solo resistente, ma anche sicuro e facilmente sterilizzabile.


COME CAPIRE LA QUALITÀ DELLE PINZETTE


Le pinzette di qualità dovrebbero avere due fondamentali caratteristiche:


- Essere tese:

quando le si stringono al momento del rilascio dovrebbero tornare nella posizione originale con forza ed in fretta.


- Non avere spazio:

quando i due estremi si congiungono devono essere perfettamente in linea, senza una minima imperfezione. Una giusta presa rende il processo di estrazione del pelo meno doloroso ed efficace, il minimo spazietto potrebbe rendere impossibile togliere efficacemente i peli più fini.


FORME


Esistono principalmente 3 tipi di forme a seconda delle quali cambia la predisposizione d'utilizzo


Pinzette a punta piatta

Le pinzette a punta piatta permettono di rimuovere efficacemente e velocemente peli più forti come ad esempio i peli nella zona bikini e sopracciglia molto spesse.


Forma non maneggevole per lavori di precisione.


Questo tipo di forma è inoltre adatta anche per l'applicazione di ciglia finta.


Pinzette a punta stretta


Le pinzette a punta stretta permettono di eseguire con facilità un lavoro di precisione. Adatte in particolar modo per definire in modo accurato le sopracciglia, permettono di estirpare con facilità anche i peli più fini uno ad uno.

Questa forma, grazie alla sua predisposizione ad un lavoro di precisione, è anche adatta per rimuovere le spine dalla pelle


Pinzette a punta obliqua

Le pinzette a punta obliqua rappresentano il giusto equilibrio tra velocità d'esecuzione e precisione, estremamente versatili grazie alla forma inclinata della punta, si possono utilizzare "di piatto" o "di punta", a seconda delle esigenze del momento.

Ovviamente la mia forma preferita, mi permette di eseguire un lavoro preciso e veloce senza cambiare tipo di pinzetta.





Secondo me, se non si ha una particolare esigenza, conviene sempre scegliere la forma obliqua o su di un kit composto da varie forme. Quì sotto troverete alcuni esempi di pinzette che rispettano i miei standard di selezione!



Per una scelta un pochino più economica, ma altrettanto valida, ho selezionato questo tipo!



Non metterò i prodotti delle singole pinzette a punta piatta o stretta poiché, a meno ché non abbiate una esigenza particolare, non conviene direzionarsi su queste tipologie dato che hanno un utilizzo limitato e specifico... Poco versatile ed io essendo molto pratica non consiglio l'acquisto per un utilizzo di tutti i giorni, se volete eseguire un lavoro minuzioso direzionatevi sui kit di pinzette con varie punte come questo quì sotto



RIPARARE LE PINZETTE


Per salvaguardare le pinzette ovviamente si dovrebbe star attenti a non danneggiare la punta ma ahimè... Purtroppo cadono inevitabilmente! Per minimizzare il rischio di danneggiamento consiglio di utilizzare sempre un parapunta, in questo modo durante la caduta non dovrebbero rompersi.


Nonostante tutte le accortezze a volte succede, le pinzette scivolano e... boom, la punta si danneggia non permettendo alle estremità di chiudersi bene, in questo modo le pinzette risultano inutilizzabili oramai, ma non è detta l'ultima!


Volete sapere un semplice trucco per riparare le pinzette "sbeccate"?


Se chiudete le pinzette e rimane spazio quando le punte si congiungono, non sono più allineate o presentano malformazioni che impediscono la perfetta chiusura... SI POSSONO AGGIUSTARE!


Basta prendere una lima od un pezzettino di carta vetrata (o addirittura un paio di forbici) e limare le imperfezioni finché stringendole non noterete le estremità congiungersi senza spazi o asimmetrie. Provateci ed improvvisate, è più facile di ciò che sembra e nella peggiore delle ipotesi erano già da buttare, no? Quindi perché non tentare un salvataggio in extremis?


Spero che questa breve lettura vi abbia aiutato o vi aiuterà a capire come scegliere le pinzette perfette! Cosa ne pensi?



Con affetto, Anastasia


30 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page